Indietro

Per tre anni stop a nuovi negozi di cibo in centro

Terza città toscana a fare questa scelta. Buselli: "Misura drastica affinché il tessuto produttivo ripensi sé stesso e trovi nuove vie"

VOLTERRA — Stop all’apertura di nuove attività per la vendita di cibi e bevande per i prossimi 3 anni nel centro storico di Volterra. Il regolamento è entrato in vigore lo scorso 28 marzo, nella città etrusca, terza in Toscana (con Lucca e Firenze) ad aver intrapreso una decisione simile. 

"Abbiamo varato una misura drastica – ha spiegato il sindaco Marco Buselli - per fare in modo che, aldilà dei divieti, il nostro tessuto produttivo possa ripensare se stesso e trovare nuove vie, che vadano oltre il "miraggio" del guadagno facile. Le liberalizzazioni selvagge distruggono i centri storici e fasce sempre più larghe di attività tendono ad improvvisarsi, rincorrendo la moda del momento, il cibo in questo caso, attraverso negozi e attività "fotocopia". Il rischio era di avere cibo e bevande dappertutto, con la contestuale sparizione del tessuto di botteghe per la cittadinanza, esercizi storici, attività artigianali. La nostra idea di città parte invece dalla tutela dell'essenza, dello spirito stesso della città, che passa, oltre che dai suoi monumenti, proprio dalle facce, dalle attività, dai mestieri di cui è fatta. Volterra ha l'ambizione di diventare un baluardo ideale rispetto a quella globalizzazione selvaggia che sta trasformando i centri storici in cartoline tutte uguali, svuotandone l'anima. Una città a misura d'uomo dove si può decidere di venire a vivere e non un luogo dove si accende la luce solo quando il turista arriva".

Il blocco riguarda anche il trasferimento, di nuove attività di commercio al dettaglio in sede fissa di prodotti appartenenti al settore merceologico; alimentare (il divieto riguarda anche i casi di variazione da settore non alimentare a quello alimentare e i casi di aggiunta del settore merceologico alimentare al settore merceologico); non alimentare (somministrazione di alimenti e bevande esercitate in qualunque forma comprese le attività che rientrano nella categoria “home restaurant” o analoghe, fatte salve produzione, preparazione e/o vendita di prodotti alimentari, a carattere artigianale/industriale compresa la panificazione; vendita al dettaglio e/o di somministrazione effettuata mediante apparecchi automatici in apposito locale ad essa adibito in modo esclusivo).

"Solo tre Comuni in Toscana hanno fatto questo percorso – ha aggiunto l’assessore alle attività produttive Gianni Baruffa - . Purtroppo tutte le idee precedenti non potevano sostenere un intervento completo e complesso come questo, infatti tutte le altre proposte vagliate in questi anni erano oggetto di impugnazione e anche i nostri tecnici ne sconsigliavano l'utilità. Solo così il percorso è più lineare. Per questo abbiamo lavorato sottotraccia, prendendo spunto dal lavoro fatto dal Comune di Lucca. Siamo soddisfatti, è un provvedimento necessario. Ringrazio la Soprintendenza di Pisa che ha appoggiato tale iniziativa, le associazioni di categoria, Confcommercio e Confesercenti e soprattutto la Regione Toscana, lo staff dell'ufficio attività produttive e l'assessore regionale Stefano Ciuoffo. Il nuovo regolamento valorizzerà il tessuto economico e tutelerà le nostre attività già esistenti".

"Salvaguardare l'identità e la particolarità del nostro commercio e della nostra ristorazione, evitare la proliferazione incontrollata di attività take away, contrastare una concorrenza al ribasso che avrebbe danneggiato i negozi di vicinato e penalizzato il turismo di qualità sono questi gli obiettivi del provvedimento adottato dall'amministrazione comunale che condividiamo al cento per cento per Volterra come per tutte le altre città del territorio provinciale a vocazione turistica – ha sottolineato Federico Pieragnoli, Confcommercio Pisa - . Per questo non possiamo che ringraziare il Comune di Volterra e in particolare l'assessore al commercio Gianni Baruffa per aver adottato uno strumento finalizzato a difendere e promuovere al meglio la qualità del proprio commercio e dei locali che ne rappresentano inequivocabilmente l'identità".

"Come Confesercenti Valdicecina siamo favorevoli all'approvazione del regolamento per il contenimento dell'apertura di nuove attività commerciali e artigianali nel settore alimentare nel triennio 2019-2021 – ha dichiarato Marco Migliorini, presidente di Confesercenti ValdiCecina - Come associazione di categoria ci siamo subito mossi con la nostra struttura regionale anche per superare un passaggio, secondo noi cruciale. In precedenza, infatti, il regolamento non consentiva uno sviluppo ulteriore della propria attività pur essendo già insediata da tempo su Volterra, ma grazie alla collaborazione con l'amministrazione comunale e la nostra associazione da oggi si potrà arrivare all'estensione fino ad un massimo del 50% della superficie originaria".

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it