Indietro

Consiglio regionale a Larderello, c'è la data

Sciolte le riserve per la seduta speciale che si tiene a Larderello. Focus sulla geotermia in un territorio che rischia di retrocedere

POMARANCE — Il consiglio regionale straordinario sulla geotermia è stato fissato per mercoledì 24 luglio alle 16 a Larderello.

A renderlo noto il consigliere regionale Antonio Mazzeo che ha detto che si è giunti all'accordo su giorno e ora "grazie anche alla immediata disponibilità avuta dal presidente Eugenio Giani e da tutti i capogruppo".

"Come istituzione saremo quindi vicini, anche fisicamente, ai cittadini e ai lavoratori della Valdicecina e chiederemo con forza al governo che dia il più in fretta possibile le risposte e le rassicurazioni che questo territorio merita".

La richiesta di un consiglio regionale straordinario direttamente a Larderello era stata avanzata dal comitato GeotermiaSì, che aveva elencato anche le questioni che definiscono la crisi della geotermia.

La seduta straordinaria seguirà quella ordinaria già fissata al palazzo del Pegaso di Firenze per il pomeriggio di martedì 23 e la mattina di mercoledì 24 luglio.
L’Assemblea toscana segue l’impegno preso la scorsa settimana dal presidente e raccoglie la proposta di una seduta straordinaria nei luoghi simbolo della geotermia, “che rappresenta una risorsa fondamentale di energia elettrica in Toscana - ha ricordato Giani - Supera il 30 per cento della risposta al fabbisogno regionale. È una risorsa che è stata razionalizzata in Toscana a partire già dal 1904, quando, proprio il 4 luglio, Pietro Ginori Conti accese le prime cinque lampadine alimentate con energia prodotta da fonte geotermica, e oggi sta diventando un esempio mondiale”.

“Vi è un aspetto non solamente tecnico, ma anche valoriale che vede la Toscana in prima linea per l’evoluzione tecnologica e la creazione di sempre maggiori opportunità della produzione energetica da fonte rinnovabile a basso costo - ha concluso il presidente del Consiglio regionale - Tutto ciò che può frenare lo sviluppo e la tecnologia della geotermia deve mettere ciascuno di fronte alle proprie responsabilità”.

"Manteniamo alta l'attenzione per un comparto produttivo che impegna oltre 2000 lavoratori - ha aggiunto Alessandra Nardini, consigliera regionale del Pd - fondamentale per la Toscana e per la Val di Cecina. Non molleremo di un centimetro sulle richieste che stiamo avanzando da mesi, a partire dal chiedere che il Governo reintroduca gli incentivi per questa produzione energetica ecologica".

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it