Indietro

"Vigliaccheria dei forti, atrocità del silenzio"

Sul caso dei migranti bloccati sulla nave Diciotti il locale Comitato di accoglienza solidale invita alla mobilitazione contro il governo

CASTELNUOVO VDC — Il Comitato di accoglienza solidale di Castelnuovo Val di Cecina ha diffuso un volantino con il quale invita la popolazione a non restare in silenzio di fronte a ciò che sta avvenendo nel porto di Catania, dove da quattro giorni la nave Diciotti è bloccata con a bordo 150 migranti - sono sbarcati solo 27 minori non accompagnati - su disposizione del ministro dell'interno Matteo Salvini.

"177 esseri umani ostaggio di un governo che alimenta l'odio razziale - si legge nel volantino - e trova consenso nei paladini del 'prima gli Italiani' e in chi si gira dall'altra parte, pur sbandierando ideali progressisti e credo religiosi. La denuncia di Unhcr, Medici senza Frontiere, Save The Children, Terre des Hommes: minori, donne, persone reduci anche da un anno e mezzo da centri di detenzione in Libia, vittime di abusi e torture, si vedono negare l'assistenza dallo Stato Italiano.

Che fine ha fatto lo spirito umanitario? Lo scandalo dell'abuso di potere: violazione della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo; violazione della Convenzione europea dei Diritti dell'Uomo (art 3 e 5); violazione della Carta dei Diritti fondamentali Ue (art 1,4,18); non ottemperanza delle linee guida dell'Organizzazione marittima internazionale; violazione della legge Italiana (art 289 Ter - Codice Penale) che punisce da 25 a 30 anni 'chiunque sequestri una persona... al fine di costringere un terzo, sia questi uno Stato... a compiere un qualsiasi atto'.
In una società dominata dall'odio e dalla violenza, il diritto fondamentale di ricevere assistenza e richiedere asilo è ormai un crimine!"

Il volantino è firmato dai consiglieri del Comitato R. Vichi, M. Bianciardi, F. Doloverti, R. Marconcini, M. Neri, K. Taddei e B.Waibel.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it