Indietro

Quando le cose diventano un “gravogiolo”

Nel dialetto volterrano, il termine, utilizzato in diversi contesti, indica un ammasso intrecciato e difficile da sciogliere

VOLTERRA — Un intreccio inestricabile, un ammasso di fili o tubi aggrovigliati e difficili da sbrogliare ovvero, in una parola sola, “gravogiolo”. Il termine, infatti, riassume un viluppo impossibile da sciogliere, in cui trovare il bandolo della matassa diventa un’impresa ardua. L’espressione, diffusa nello slang volterrano, viene applicata, però, anche in contesti diversi da quelli idraulici e tecnici. Il modo di dire, infatti, si estende, in modo metaforico, a ogni situazione dove è difficile distinguere l’inizio dalla fine, da quello medico a quello sentimentale.

Viola Luti
© Riproduzione riservata

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it