Indietro

La versione etrusca del pesto

Preparato con pecorino piccante e sedano, il moretum era un condimento tipico dell’antico popolo che lo utilizzava per accompagnare piatti salati

VOLTERRA — Associato alla cucina ligure contemporanea, il pesto ha, però, origini lontane nel tempo. Il primo esempio, infatti, risale all’epoca etrusca quando l’antico popolo lo utilizzava per accompagnare piatti salati e, in particolare, la torta rustica scriblita.

Preparato con pecorino piccante, foglie di sedano, olio di oliva, sale e aglio, il moretum era apprezzato e diffuso anche presso i Romani. A differenza della moderna e più conosciuta versione genovese, era tagliato in modo più grossolano e, al posto del celebre basilico, utilizzava i fogliari dal sapore intenso del sedano. Variante che, nonostante la diversità di alcuni ingredienti, evidenzia un legame profondo tra la cultura gastronomica italiana e quella dei Rasenna.

Viola Luti
© Riproduzione riservata

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it